« Casa delle fragole abbandonata »

INTÉRESSANT

La casa fu costruita alla fine degli anni Venti del ventesimo secolo per il banchiere Dimitar Ivanov e sua moglie Nadezhda Stankovic. All’interno, l’attenzione è focalizzata sul camino di marmo rosso nella sala d’ingresso.

Vi è un palco per i musicisti e bicchieri di cristallo alle porte interne. Diverse camere da letto, belle terrazze, uno studio spazioso e locali di servizio.

Niente dell’arredamento è rimasto, ma si sa che i cittadini di alto rango di Sofia preferivano mobili dall’Europa centrale e occidentale in quel periodo.

L’esterno presenta un grande giardino antistante la strada, separato dal marciapiede da una bella recinzione in ferro battuto.

Una tripla scalinata conduce all’ingresso della casa, ma è sempre molto impressionante notare che ci sono portali speciali per carrozze e carrozze su entrambi i lati del cortile.

 

 

 

Ancora oggi, posso immaginare una carrozza con i membri della famiglia invitata che entra nel cortile della casa attraverso un portale, mentre gli zoccoli e la carrozza rimangono nella stanza dietro la casa, appositamente adattata per aspettare la fine della ricezione, per poi uscire nuovamente attraverso l’altro portale del cortile.

 

 

 

La famiglia del banchiere Ivanov visse felicemente nella casa, almeno fino al 1944.

Dopo la guerra, la proprietà fu nazionalizzata e ospitò inizialmente l’ambasciata rumena.

Più tardi, nel corso dell’anno, la casa divenne una rappresentanza commerciale dell’URSS in Bulgaria, oltre a essere la sede dell’amministrazione di varie strutture comuniste con uno scopo poco chiaro.

Negli anni ’90, la casa fu restituita agli eredi del primo proprietario, il banchiere Dimitar Ivanov.

Dal 2004, la proprietà appartiene al direttore di Lukoil, Valentin Zlatev, che finora non ha mostrato alcun legame con questo patrimonio culturale.

La splendida casa, una volta decaduta per decenni, è oggi purtroppo in uno stato triste.

Rate the article
Good Info