« Case ai margini del mondo. Non è adatto per i deboli di cuore. »

INTÉRESSANT

« La Capanna Solvay si trova a un’altitudine di 4003 metri lungo la cresta nord-est del Cervino, in Svizzera, e appartiene a un grande club di alpinisti.

Notate la veranda della capanna nella foto, non c’è una vera e propria veranda, basta un passo di lato e c’è il precipizio.

Ecco questo pittoresco monte.

Quanto è sorprendentemente piccolo il nostro mondo e quanti fenomeni sono collegati tra loro! Quale filo potrebbe unire una capanna da alpinista a quattro chilometri di altezza alla prima fabbrica russa di soda?

Si scopre che c’è un tale filo, e il suo nome è Ernest Gaston Solve, un chimico, tecnologo e imprenditore belga.

Ma prima di tutto. Il chimico Solvay è nato nel 1838 e morto nel 1922. Nel frattempo, ha compiuto molte cose notevoli, tra cui ci interessa innanzitutto il fatto che ha sviluppato un efficace processo di ammoniaca per ottenere la soda dal cloruro di sodio.

In secondo luogo, nel 1883, insieme al commerciante permiano I.I. Ljubimow, ha costruito la prima fabbrica di soda della Russia, che si trovava vicino al villaggio di Beresniki nella provincia di Perm. Nel 1915, Solve ha donato denaro per la costruzione di una capanna sulla cima del Cervino.

Mi chiedo come sia stato possibile costruire una struttura così insolita?

Innanzitutto, i materiali da costruzione sono stati trasportati a un’altitudine di 3260 metri con l’aiuto degli animali e poi, con l’aiuto di una piccola funivia provvisoria, sono stati portati al loro destino finale, cioè all’altitudine definitiva di 4000 metri.

La capanna è stata dedicata a Ernest Solvay, un inventore e uomo d’affari belga, che l’ha donata in segno di gratitudine per le indimenticabili ore trascorse in montagna e la consapevolezza che improvvisi temporali possono portare a tragedie per gli alpinisti durante la salita o la discesa.

E come avrete già indovinato, ho chiamato questa capanna non per il suo prezzo, ma per la sua appartenenza, utilità e naturalmente per la sua romanticità.

Che montagna è questa? Te lo dirò subito…

Il Cervino, situato al confine tra la Svizzera e l’Italia, è una sorta di piramide nel centro dell’Europa: quattro facce triangolari convergono verso la sua cima.

Come ogni altra piramide (siano esse le famose piramidi in Egitto o le meno conosciute strutture simili in Messico), anche il Cervino è pieno di misteri e storie tragiche.

Sebbene il Cervino sia solo la quinta vetta più alta delle Alpi, le sue difficoltà di arrampicata sono paragonabili a quelle dei suoi vicini.

Le sue pareti sono così insidiose che nemmeno gli alpinisti più esperti sono riusciti a conquistarle fino al 1865. La parete sud è rimasta inviolata per i successivi 66 anni.

E le scalate stesse hanno portato risultati molto contrastanti. Ad esempio, il britannico Edward Whymper con un gruppo di alpinisti fu il primo a salire sulla montagna. Tuttavia, durante la discesa, quattro dei pionieri morirono a causa di una rottura di corda… Nel 1933, tre francesi riuscirono a compiere la prima salita di una delle vie del Cervino – e tutti e tre morirono al ritorno.

Uno dei montanari resi famosi grazie al Cervino fu la guida alpina Hermann Perrin. Si era prefissato di salire la montagna fino a 150 volte, ma quando mancavano meno di dieci salite al record, cadde e morì.

E anche se ora tutte le pareti e le creste del Cervino sono state scalate e le guide alpine portano un gran numero di turisti sulla vetta (così che alcune vie sono fortemente affollate), ogni anno qui muoiono ancora 10-15 persone.

Il Cervino ha il suo carattere – almeno questo non lo mettono in dubbio gli abitanti della vicina Zermatt. Dicono che persino il tempo in questa parte della Svizzera dipenda dall’umore della montagna leggendaria.

Se il cielo è corrugato e la cima del Cervino di 4478 metri è nascosta dietro le nuvole, significa che la montagna è di cattivo umore.

Se il Cervino vuole scherzare, può apparire « come il Vesuvio »: una nuvola copre solo una parte della montagna, in modo che sembri che il fumo si alzi dalla cima, come prima di un’eruzione. Ma se è di buon umore, è bellissimo e luccica con la cima del ghiacciaio, quasi vi invitasse a una foto indimenticabile del Cervino.

La città di Zermatt, adagiata a 1608 metri sulla montagna, sfrutta appieno la sua vicinanza. Non è solo una delle località sciistiche più famose della Svizzera, ma è anche il fiore all’occhiello del turismo svizzero.

 

Qui c’è sempre qualcosa da fare durante tutto l’anno, ma le attività estive, come potete immaginare, sono legate alle vacanze in montagna. Da Zermatt partono i cosiddetti « treni del crepuscolo », che consentono di assistere a un’alba spettacolare sul Cervino…

Anche dal paese confinante, la montagna è raggiungibile in modo simile. A un’altitudine di 2006 metri sul livello del mare, ai piedi del versante sud del Cervino, si trova il villaggio di Breuil-Cervinia, una località sciistica italiana estremamente popolare.

Con Zermatt non c’è nulla da condividere: la montagna è divisa e non c’è niente da fare. Pertanto, entrambi i luoghi hanno piste da sci comuni, percorsi turist

Rate the article
Good Info