Come una bellezza per bambini divenne un fenomeno da circo: la tragica storia di Mary Ann Bevan

INTÉRESSANT

La storia di Mary Ann Bevan, conosciuta come « La donna più brutta del mondo », inizia nel XIX secolo, un periodo buio della cultura americana, quando le « freakshow », circhi ambulanti che esibivano persone con deformità e disabilità specifiche, erano all’apice della loro popolarità.

Oggi è estremamente inaccettabile trattare le persone con disabilità in modo irrispettoso, ma all’epoca nessuno pensava che fosse moralmente sbagliato chiamarle « mostri ».

Mary Ann Bevan è nata il 20 dicembre 1874 a Plaistow, East London, Regno Unito. È cresciuta diventando un’infermiera e veniva rispettata dalla società. Inoltre, era una donna molto attraente che aveva molte opportunità.

Nel 1902 Mary incontrò l’amore della sua vita, un uomo di nome Thomas Bevan. I due si sposarono e ebbero quattro figli insieme, ma la loro felicità non durò a lungo. Dopo 14 anni, Thomas morì lasciando Mary spezzata.

La sua vita divenne difficile quando si trovò da sola a prendersi cura dei suoi figli e a sostenerli. Sfortunatamente, Mary cominciò a mostrare strani sintomi intorno all’età di 32 anni. Il suo viso iniziò a cambiare gradualmente, e lei non sapeva cosa stesse succedendo o cosa stesse causando quel cambiamento, il che la colpì sia psicologicamente che finanziariamente.

Le ossa di Mary crescevano e il suo viso si deformava. Di conseguenza, perse il lavoro e non poteva più prendersi cura dei suoi figli.

All’epoca, nessuno era in grado di diagnosticarla, ma questa povera donna soffriva di acromegalia, un disturbo ormonale che si sviluppa quando l’ipofisi produce troppo ormone della crescita durante l’età adulta, quando non c’è più alcuna variazione nella statura. Invece, l’aumento delle dimensioni ossee si concentra sulle ossa delle mani, dei piedi e del viso.

Oggi si sa molto di più su questa malattia e ci sono modi per tenerla sotto controllo, cosa che all’epoca in cui Mary viveva non era possibile.

Spezzata, infelice e povera, questa donna un giorno vide un annuncio che diceva: « Cercasi: La donna più brutta. Niente di ripugnante, mutilato o deformato. Stipendio garantito e impiego a lungo termine per le candidate di successo. Inviate una foto recente ».

Per quanto si sentisse male a riguardo di quel « lavoro », non vedeva altre opzioni per uscire dalla sua situazione. Doveva semplicemente fare tutto il possibile per mantenere i suoi figli. Prima di tutto, era una madre.

Mary rispose all’annuncio e presto fu contattata dall’agente del circo, un uomo di nome Claude Bartram, che successivamente condivise la storia di Mary.

« Non era affatto ripugnante. Aveva il viso che di solito si trova in un gigante, una mascella mascolina e robusta, zigomi prominenti, naso e fronte, ma era impeccabile, sana e forte.

Mi disse che non le piaceva l’idea di esibirsi, era timida e non voleva essere separata dai suoi figli », disse Bartram secondo il Daily Star.

« Le dissi che avrebbe guadagnato £10 a settimana per un anno, più le spese di viaggio e tutto il denaro derivante dalla vendita di cartoline raffiguranti se stessa, in modo da poter provvedere all’istruzione dei suoi figli ».

In poco tempo le riviste furono piene di foto di Mary Ann, e tutti la riconobbero come « la donna più brutta del mondo ».

La sua popolarità la portò al Dreamland Circus a Coney Island, New York, uno dei circhi più famosi di sempre.

Mary Ann divenne un’attrazione, ma poi incontrò un medico di nome Harvey Cushing, un eminente neurochirurgo, e capì che dietro al suo enorme viso c’era molto di più, che lui voleva esplorare approfonditamente.

« Questa povera donna, che si trova nello spettacolo secondario dei Ringling Brothers ‘tra la donna grassa e l’uomo senza braccia’, indossa ‘cappelli di pizzo bianco, guanti di lana e scarpe alte’, ha una storia che non ha nulla di divertente.

Lei, un tempo una giovane donna robusta e bella, è diventata vittima di una malattia chiamata acromegalia », scrisse in una lettera alla rivista Time.

Mary Ann trascorse la sua vita al circo e si dice che abbia guadagnato una piccola fortuna che le permise di far tornare i suoi figli in Inghilterra, dove frequentarono scuole private.

Ha sopportato molto, ma ha fatto tutto per i suoi figli.

Mary Ann morì all’età di 59 anni per cause naturali. Il suo ultimo desiderio era essere sepolta nella sua terra natia, l’Inghilterra, e i suoi figli esaudirono questo desiderio. Riposa nel cimitero di Ladywell and Brockley a sud di Londra.

La triste, ma affascinante storia di vita di questa donna parla più dell’amore materno per i suoi figli che di qualsiasi altra cosa.

Per favore, CONDIVIDI questa storia con la tua famiglia e i tuoi amici su Facebook!

Rate the article
Good Info